Pittura

Commenti: nessun commento
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

creatività

Campiture di colore quasi piatto, il colore materico, il colore trasparente, il pennello che accarezza la tela o la graffia. La pittura che è solo colore e astrazione o è forme, cose, paesaggi, figure, luce.
Mi piace dipingere occhi che spiano, nuvole che passano, foglie, orizzonti e cipressi. E finestre e ideali stanze da letto. I colori diventano sogni, tempo, silenzio, solitudini, tenerezza, transitorietà, leggerezza e pesantezza, forza e fragilità. I colori sono giorni che non passano mai e giorni invece troppo brevi. A volte torna l’astrazione, il segno breve e veloce. Altre volte torna di nuovo il volo e il sogno del volo, l’ironia, l’uomo e la donna, le allusioni, le modelle.

Mi piace dipingere il Blu, mi piace dipingere il Rosso, i Rossi, tutti i rossi possibili. Sono ossessionato dal rosso.

Quadri come sogni inutili e smisurati, leggeri e pesanti, incontenibili, scoppiano e scappano dappertutto. Sono in viaggio. Poi stanze, tante stanze, grandi e con grandi finestre, paesaggi che quasi entrano in queste stanze, muri colorati, muri che svaniscono. Tutto è fuori e dentro contemporaneamente, tutto c’è e non c’è c’è, allo stesso tempo.
E c’è Hokusai e l’onda.
Creatività

Sono perso dentro quell’onda. Grandi finestre si aprono su paesaggi estremi, mai visti, ma sognati. E poi carte geografiche e orizzonti, uomini e donne che giocano a nascondino, incerti se andare o restare, incerti tra il voler sapere e il non sapere, incerti tra l’amore e le tenebre.
Finestre e occhi. Tanti occhi che spiano da minuscole finestre. Spiano e scrutano, contemplano il mondo di fuori, incerti se fermarsi a guardare , se fermarsi sulla soglia di quel mondo, o fare il passo e inoltrarsi in quel cuore immenso e buio.
Sono in viaggio.
Sto per dipingere immense ali in una grande stanza.
Qualcuno vuole dipingere ali insieme a me?

Guarda il catalogo:http://www.flickr.com/photos/maurocarac/