Painting anni’90-2000

Commenti: nessun commento
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

All’inizio degli anni ‘ 90 il colore assume una importanza superiore rispetto al disegno e alla figura.

Cuori, ali, l’onda. Sono simboli che ritornano volutamente più volte in questi lavori. Simboli chiari e quasi innocenti, immediati, semplici e poetici.

Poi stanze, tante stanze, grandi e  con grandi finestre, paesaggi che quasi entrano in queste stanze, muri colorati, muri che svaniscono. Tutto è fuori e dentro contemporaneamente, tutto c’è e non c’è c’è allo stesso tempo.

In questi anni si rafforza la tendenza a realizzare quadri che sono come piccole storie. Quadri racconti, quadri con storie con dentro altre storie, immagini che imprigionano altre immagini, in un continuo incendiarsi e spegnersi di stati d’animo, passioni ed eventi.

La pittura si fa ricorsiva, gioca con le sequenze, vuole raccontare storie, forse ci riesce, forse no.

Grandi finestre si aprono su paesaggi estremi, mai visti, ma sognati. E poi carte geografiche e orizzonti, uomini e donne che giocano a nascondino, incerti se andare o restare, incerti tra il voler sapere e il non sapere, incerti tra l’amore e le tenebre.

Finestre e occhi. Tanti occhi di uomini e donne che spiano  da minuscole finestre. Spiano e scrutano, contemplano il mondo di fuori, incerti se fermarsi a guardare, se fermarsi sulla soglia di quel mondo, o fare il passo e inoltrarsi altrove.

Molti lavori sono realizzati con la tecnica dell’acquarello: ed è proprio l’uso dell’acqua la  caratteristica di queste campiture di colore. Vogliono quasi essere degli stagni, nelle cui acque dense le cose si intravedono soltanto.

Le linee e i contorni sono volutamente più morbidi e sfumati. Figure e paesaggi sono rappresentati quasi come icone, prototipi di paesaggi ideali.

E ancora occhi che scrutano, e finestre e nuvole, cipressi e orizzonti, e un piccolo pittore che dipinge immense ali in una grande stanza.

Uomo vestito di bianco e collina rossa, cm 60x98, 1996

Una famiglia. olio su cartone, 68x96, 1993

Ragazza e candela, olio su cartone, cm 66x100, 1992

Ragazze, olio su cartone, cm 67x97, 1993

Più luce, olio su cartone, cm 60x97, 1995

Paesaggio rosso, olio su cartone, cm 63x86, 1996

uomo vestito di bianco e collina rossa, olio su cartone, cm 60x100, 1996

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Luogo distante, olio cartone, cm 36x95, 1996

Ingresso nella casa della luce

Ingresso nella casa della luce, olio /acrilico su cartone, cm 45x75, 1992

Inappartenenza, olio su cartone, cm 68x96, 1996

In una stanza azzurra una foglia sopra un tavolo nero, cm 64x100, 1996

In una stanza azzurra una foglia sopra un tavolo nero, cm 64x100, 1996

Giorno dei ricordi, olio su cartone, 70x100, 1997

Finzioni, olio su cartone, cm 70x92, 1992

Coppia, olio su cartone, cm 68x90

Angelo, olio su legno, cm 44x80

approdo al nulla, acquarello 1992

approdo al nulla, acquarello 1992

Certe volte la mia stanza, 1997 olio

Certe volte la mia stanza, 1997 olio

Breve, inatteso, ilio 1997

Breve, inatteso, ilio 1997

Attesa di un inizio, 1990, olio

Attesa di un inizio, 1990, olio

Angelo di Matisse, olio, 1997

Angelo di Matisse, olio, 1997

Artista in trappola, olio, 1992

Artista in trappola, olio, 1992

Blu, paesaggio e solito uomo che fugge, 2000

Blu, paesaggio e solito uomo che fugge, 2000

A cena da Hokusai, acquarello 1992

A cena da Hokusai, acquarello 1992

Carte del viaggio, olio, 1995

Carte del viaggio, olio, 1995

Fuori e dentro la mia stanza, olio1992

Fuori e dentro la mia stanza, olio1992